hvor gammel er lege oz cialis hjelp med reseptbelagte kostnader

Organizzazione Umanitaria
ONG Bambini nel Deserto Onlus

La scuola di Abardek

NIGER

Regione di Agadez, Comune di Tabelot, Villaggio di Abardek

Istruzione e Infanzia

Costo del progetto: 109.132 €

Stato: PROGETTO IN CORSO

Finanziatori

  • Otto per Mille Tavola Valdese
  • Provincia Autonoma di Trento
  • Associazioni di Mestre

Il progetto PRISA (Progetto di Realizzazione delle Infrastrutture Scolastiche ad Abardek) propone il completamento del complesso scolastico per il villaggio di Abaderk (Comune rurale di Tabelot, Regione di Agadez-Niger) al fine di garantire l’accesso all’istruzione primaria per tutti i bambini del villaggio e dei villaggi limitrofi. Le realizzazioni previste permetteranno agli alunni di usufruire di strutture in cemento armato (4 nuove aule), di servizi igienici e di una mensa dedicata, con relativo magazzino, per lo stoccaggio dei cibi forniti nell’ambito del Programma Alimentare Mondiale.

Sarà garantita anche la permanenza fissa della Direzione del complesso e il luogo di aggregazione per il Comitato di Gestione locale in alloggi dedicati interni alla struttura. Disponendo di un complesso aggregativo completo potranno essere erogati corsi di formazione sulle buone prassi igienico sanitarie, sessioni di training dedicate alla gestione stessa del complesso attraverso gli organi locali preposti strutturati nell’ambito del progetto (COGES) e attività di sensibilizzazione della popolazione locale sull’importanza dell’istruzione. Il progetto, gestito dalla Sede Regionale del Trentino in collaborazione con la sede centrale, si propone inoltre di implementare la consapevolezza della società civile della Provincia di Trento verso le tematiche della cooperazione allo sviluppo e la cittadinanza globale, attraverso l’organizzazione di eventi dedicati e lo svolgimento di incontri tematici presso gli istituti scolastici al fine di stabilire delle forme consolidate di gemellaggio tra le scuole italiane e la scuola di Abardek. 

 


Anno 2014

 


Contesto Settoriale
La valle di Abardek è situata tra le montagne del massiccio dell'Air e copre una grande superficie che si estende da Tokidi (Nord-Sud) a Enfong (Est-Ovest). Il clima è quello tipico delle regioni sahelo-saharaiane con elevate escursioni termiche (0-50°C). Il villaggio di Abardac, che conta 1530 abitanti, fa parte della regione di Agadez, comune rurale di Tabelot ed è situato a 110 km a Nord Est di Agadez. Per raggiungerlo da Agadez è presente una pista ed occorrono circa 3 ore con un veicolo 4x4 e 5 ore con un camion. L'etnia degli abitanti è tuareg e la religione praticata è l'islam.

Situazione idrica: Nel villaggio esistono quattro pozzi tradizionali di grande diametro, in cemento, manuali, ma solo due sono funzionanti causando mancanza d'acqua nella stagione secca. La falda si trova a una profondità compresa fra 15 e 20m e il terreno può essere argilloso, roccioso o sabbioso e l'acqua è potabile.
Alimentazione: L'alimentazione di base è costituita da riso, grano, mais e miglio. Vengono coltivati grano, mais, cipolle, aglio, patate e pomodori. Il 40% circa dei prodotti coltivati viene consumato, mentre il 60% circa viene venduto nei mercati di Abardac e Agadez. Sono presenti anche alberi da frutto come palme da datteri, fichi, limoni e qualche arancio. Le conoscenze in campo agrario e sulla conservazione dei prodotti alimentari sono sufficientemente buone, ma mancano mezzi agricoli moderni. Le sementi non possono essere acquistate per la collettività in quanto mancano gli stoccaggi. Vengono allevati cammelli, montoni, capre, asini e qualche bovino. Il 5% degli animali allevati viene utilizzato per i fabbisogni alimentari e il 10% viene venduto nei mercati di Abardac che si tiene ogni mercoledì, e a quello di Agadez. I mercati più vicini sono quelli di Tabelot a 35km, Dabaga a 65km e Agadez a 110 km. I capi vengono venduti raramente perché la popolazione usa il latte per l'alimentazione e per fare i formaggi.
Istruzione: Nel villaggio è presente una scuola composta di 4 classi (sei livelli), due delle quali realizzate in muratura e due in paglia che ospita 127 bambini (57 maschi e 70 femmine) di cui 70 provenienti dai vicini villaggi di Assakamons (4km), Tassouma (5km), Attakaki (7km) e Talat (2km). I bambini in età scolare presenti nel villaggio di Abardac sono 85. La scuola più vicina è a 2km a Talat, ma non ha classi sufficienti per ospitare ulteriori studenti. I bambini non rientrano a casa tutti i giorni e vengono alloggiati presso tutori. Ricevono due pasti giornalieri e le spese di vitto vengono sostenute dal Coges, Unicef e PAM / WFP. La mensa è gestita da un cuoco pagato dal Coges (20.000 CFA al mese). La scuola non possiede una recinzione, non possiede una cucina, ha scarso accesso all'acqua potabile, non dispone di servizi igienici e due delle aule sono in paglia. L'elettricità non è presente. Le altre due aule sono in muratura con soffitto in legno e controsoffittatura.
Situazione sanitaria: Esiste a Talat (2km) un CSI di tipo 1 in cui lavorano a tempo pieno alcune infermiere e una ostetrica pagate dallo stato. L'ospedale più vicino si trova ad Agadez a 110km. La struttura del CSI è in buono stato e possiede i servizi igienici, l'elettricità viene fornita da pannelli solari, ma non è sufficiente per alimentare il frigorifero che di conseguenza funziona molto male. E' presente una camera che può ospitare un massimo di 4 malati. Mancano però le attrezzature mediche, gli strumenti necessari, le attrezzature per il parto. Il pozzo non è funzionante dal 2005. Il 95% dei bambini viene vaccinato gratuitamente contro la poliomielite, l'epatite, la difterite e il tetano. Nel 2010 il CSI ha registrato 1336 casi di malaria.

 


Strategia intervento
Dall'analisi dell'albero dei problemi risulta evidente che la mancanza di scolarizzazione e di adeguate strutture sanitarie siano i principali bisogni della popolazione di Tabelot ed in particolare del villaggio di Abardek.
Il mancato accesso alle conoscenze impedisce una qualsiasi evoluzione tecnologica ed economica; questo contribuisce al permanere delle difficoltà finanziarie che spesso inducono le famiglie a dare bassa priorità alla scolarità dei figli. La mancata frequentazione di ambienti stimolanti quali la scuola causa una stagnazione a livello sociale e culturale, favorendo il permanere di quei pregiudizi che ostacolano il diffondersi dell'istruzione (scarsa considerazione dell'importanza della scuola, atteggiamenti pregiudiziali nei confronti delle donne) e impedendo lo svilupparsi di una consapevolezza che, a lungo andare, potrebbe portare ad una volontà di cambiamento rispetto alla realtà del paese (ad esempio sulle politiche e gli investimenti legati all'istruzione).
Questo progetto mira di conseguenza a rimuovere almeno alcune delle cause prime che ostacolano la frequenza scolastica, intervenendo sui vari livelli individuati. Dal punto di vista strutturale si provvederà per prima cosa alla realizzazione di un'adeguata struttura scolastica, composta di due aule e dei servizi igienici durante il primo anno e la costruzione di ulteriori due classi, della cucina, del magazzino e dell'alloggio del direttore nonché di dotare di pompa manuale il pozzo durante il secondo anno. In questo modo verranno soddisfatte durante il primo anno le esigenze primarie: la costruzione di due aule permetterà ai bambini che attualmente frequentano la scuola di avere un luogo idoneo per poter assistere alle lezioni al riparo dal freddo che, durante la stagione invernale, è molto intenso. La costruzione del pozzo, oltre che dare accesso all'acqua potabile sia alla scuola che agli abitanti di Abardek, permetterà la creazione di un orto scolastico che garantirà il fabbisogno di verdure fresche e legumi per la mensa scolastica con il conseguente abbattimento dei costi di vitto. La costruzione dei servizi igienici permetterà il rispetto delle basilari norme igieniche. Durante la seconda fase di realizzazione del progetto si provvederà alla costruzione di due ulteriori classi per coprire i sei livelli ed evitare di avere all'interno della stessa classe corsi gemellati tenuti da un unico insegnante, la costruzione di una cucina di un magazzino per la scuola e di un alloggio per il direttore che possa prevedere la possibilità di ospitare quei bambini che provengono dai villaggi vicini e che non hanno trovato ospitalità presso tutori. Infine la dotazione del pozzo di una pompa manuale faciliterà l'approvvigionamento dell'acqua. La presenza di una adeguata struttura, soprattutto in quanto corredata da una mensa scolastica che garantirà un pasto agli allievi, fungerà da incentivo significativo per le famiglie che si dovranno privare dell'aiuto dei figli nell'allevamento del bestiame

 


Obiettivi

Obiettivo generale del progetto è quello di contribuire al raggiungimento del Secondo obiettivo del Millennium Development Goals - Ensure that, by 2015, children everywhere, boys and girls alike, will be able to complete a full course of primary schooling. Nello specifico, l’intervento si sviluppa nel perseguire i seguenti obiettivi specifici:

  • Garantire la disponibilità di un complesso scolastico secondo standard qualitativi di livello,  per il villaggio di Abardek ed i villaggi limitrofi;
  • Formare il personale del Comitato di Gestione del complesso per la corretta manutenzione e sostenibilità nel lungo termine delle realizzazioni e la promozione di azioni di informazione/sensibilizzazione per la popolazione del villaggio;
  • Avviare percorsi di informazione/sensibilizzazione in materia di igiene e salute;
  • Favorire processi di informazione e sensibilizzazione alla cooperazione ed alla cittadinanza globale sul territorio della Provincia di Trento.

 


Beneficiari diretti
I beneficiari diretti del progetto sono gli alunni che frequentano la scuola per un totale di 213 ragazzi.

 


Beneficiari indiretti
La popolazione del villaggio di Abardek e dei villaggi limitrofi per un totale di 7.550 persone.

 


Monitoraggio
Il monitoraggio sarà tenuto sia dal referente locale Alhasan Djibril, sia dall'ONG GAGE-AZIHAR in contatto con l'Associazione Mondo Tuareg, sia da eventuali volontari durante spedizioni nella località di intervento: per questo all'interno del quadro economico è prevista una somma per una missione di monitoraggio.

 


Sostenibilità
La forte richiesta da parte della popolazione del villaggio della creazione di una scuola, ritenuta prioritaria rispetto a una struttura sanitaria di cui sono deficitari è indice che la popolazione è sensibilizzata sull'importanza dell'istruzione e questo, insieme ad alcune attività di formazione per la manutenzione delle strutture, tenderà a garantire l'efficienza delle opere realizzate. La presenza della Ong Gage nella fase di studio, relizzazione e monitoraggio del progetto garantisce la sostenibilità del progetto. Sarà prevista nel contratto una garanzia di almeno un anno da parte della ditta esecutrice. Successivamente ricadrà tra i compiti del COGES il reperimento annuale tra i beneficiari di una somma per eventuali successive riparazioni o opere di miglioria

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su Linkedin

torna indietro


Clicca qui per iscriverti alla nostra NEWSLETTER!

NEWS

CHI SIAMO

PROGETTI

VIAGGI

SOSTIENI

CONTATTI

Organizzazione Umanitaria

ONG Bambini nel Deserto ONLUS

via A.Casoli, 45 - 41123 Modena (ITALIA)

tel. +39 335 6121610

CF: 94094820365

sede@bambinineldeserto.org

© Copyright 2011-2017 Bambini nel Deserto  |  Privacy Policy  |  FAQ  |  Copyright  |  Credits