hvor gammel er lege oz cialis hjelp med reseptbelagte kostnader

Organizzazione Umanitaria
ONG Bambini nel Deserto Onlus

Leggere fa bene 1

Memorie di Cantiere è un libro, anzi un ebook, di racconti scritti da autori differenti. Storie diverse, tutte incentrate sullo stesso tema: la vita e il lavoro nei cantieri esteri di imprese italiane che hanno realizzato grandi opere quali ponti, strade, centrali elettriche, canalizzazioni, metropolitane, ma principalmente dighe.

 

In questo ebook, che ci auguriamo sia solo il primo di una lunga serie, ci sono ricordi di lavoro, di scuola, di vita quotidiana, di avventure, di avvenimenti politici. Tutte storie di vita vissuta, quindi autentiche. Attimi che, rimasti indelebili nella mente di chi scrive, vengono rievocati in un viaggio nel tempo e nella memoria, cui il lettore è invitato a partecipare.

 

Gli autori fanno parte del Gruppo di Facebook Italiani e No nei Cantieri Esteri di Imprese Italiane, al quale hanno aderito per condividere notizie, esperienze, ricordi e progetti futuri. Chi scrive, ha trascorso una parte più o meno lunga della sua vita in uno o più cantieri all’estero, in qualità di lavoratore o di “familiare al seguito”; in quei cantieri che, operando in ogni continente, hanno contribuito a modificare il volto della terra, in luoghi spesso impervi, desertici, selvaggi, dove la natura regnava incontrastata prima che le ruspe la intaccassero, presso popoli distanti tra loro geograficamente e culturalmente. 
Simili esperienze non hanno apportato cambiamenti e modificazioni solo nelle terre e fra le popolazioni ospiti: si è trattato infatti di uno scambio vivo e diretto che ha comportato arricchimento di conoscenze e revisione di mentalità e di giudizi anche da parte degli espatriati. Insomma, in chi ha potuto sperimentare quella vita, anche dopo un periodo di tempo non necessariamente lungo, è avvenuta una trasformazione tale per cui niente è stato più come prima...

 

Per scoprire di più vai alla pagina Facebook dedicata a Memorie di cantiere.

 

L'ebook è scaricabile gratuitamente ma l'augurio è che il lettore contribuisca all'iniziativa inviando una spontanea e libera donazione che servirà a realizzare il pozzo di Abardek in Niger, intitolato a Silvano Trevisan, barbaramente ucciso nel Nord della Nigeria. 

 

Un gesto simbolico in un continente, l’Africa, che Silvano certamente amava molto.

E dopo il pozzo... la scuola!

 

Buona lettura!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su Linkedin

torna indietro


Clicca qui per iscriverti alla nostra NEWSLETTER!

NEWS

CHI SIAMO

PROGETTI

VIAGGI

SOSTIENI

CONTATTI

Organizzazione Umanitaria

ONG Bambini nel Deserto ONLUS

via A.Casoli, 45 - 41123 Modena (ITALIA)

tel. +39 335 6121610

CF: 94094820365

sede@bambinineldeserto.org

© Copyright 2011-2017 Bambini nel Deserto  |  Privacy Policy  |  FAQ  |  Copyright  |  Credits