hvor gammel er lege oz cialis hjelp med reseptbelagte kostnader

Organizzazione Umanitaria
ONG Bambini nel Deserto Onlus

Ultima prova a Garage Italia

Gaetano Zambon, volontario della nostra organizzazione con numerose spedizioni alle spalle, ha concluso la sua lunga permanenza [ 5 mesi ] presso Garage Italia a Ouagadougou. Ma non è partito senza mettere, ancora una volta, alla prova i nostri ragazzi; ecco la relazione dell'ultimo test che hanno sostenuto su un blocco motore "cavia". A seguire alcune considerazioni di Gaetano sulla sua lunga esperienza di "espatriato".

 


L'ultima prova

La prima fase introduttiva a questa competizione pratica relativa al corso di pre-apprendistato che gli allievi frequentano dalla fine dello scorso ottobre era avvenuta il 31 dicembre 2015; in quella occasione gli allievi si erano cimentati, per la prima volta, in una prova cronometrata equamente suddivisa fra chi aveva lavorato allo smontaggio e chi aveva lavorato al rimontaggio di un blocco motore. 

Dopo una serie di considerazioni compensative la prova del dicembre scorso era finita così:

1° posto pari merito Ousmane montaggio in 18' e Gerard smontaggio in 15'.

2° posto Wilfred smontaggio in 20'.

3° posto pari merito Martin montaggio in 32' e Zakaria smontaggio in 24'.

4° posto pari merito Aimé montaggio in 39' e Jejé smontaggio in 35'.

Non classificati Alexis e Hervè assenti causa malaria.

La competizione di sabato scorso è entrata subito nel vivo con un lavoro completo di smontaggio e montaggio del blocco motore. Due mesi in più di pratica, alla luce dei risultati conseguiti individualmente, hanno dato buoni frutti! In particolare sono rimasto assai soddisfatto della prestazione di Martin; all'andata era rimasto penalizzato dai suoi problemi alla vista, ma oggi ha sopperito a quegli stessi problemi con una manualità migliorata al punto che gli ha consentito di trovare automatismi significativi, quegli automatismi che gli hanno permesso di condividere il gradino più alto del podio con Gerard, già classificato primo a dicembre, entrambi arrivati alla conclusione senza errori.

Altra grande soddisfazione è venuta da Alexis, un allievo che ha brillato nella prima parte del corso sia per il numero elevato di assenze che per le entrate mattutine al corso sempre in fuori orario, oltre che con un comportamento complessivamente poco ispirato.Avevo preteso ed ottenuto un colloquio esplicativo con un familiare e dopo di allora il ragazzo, seppur lentamente, ha cominciato a prendere il giusto numero di giri, specialmente quando ho iniziato una serie di incontri formativi personalizzati su di lui. Oggi ha colto il segno con un buon lavoro senza errori compiuto in 26': secondo posto a pari merito con Ousmane che il lavoro lo ha compiuto in soli 23', ma incorrendo in un errore. Il terzo posto solitario lo ha conquistato Wilfred con un 27' netti ed un errore. 

Il quarto posto è andato ad Hervè con un 28' netti ed un errore e al quinto posto è arrivato Peperoncino, come ho soprannominato Aimè, il più piccolo fra gli allievi -13 anni – e con scarsa capacità di concentrazione: il suo tempo è stato di 39' netti incluso un errore, lo stesso tempo impiegato all'andata per il solo montaggio: quindi bravo!

Al sesto posto si sono piazzati Zakaria che ha chiuso in 42' ed un errore e Jejé che ha fatto lo stesso tempo, ma con tre errori. Alla luce dello stato complessivo di salute a Jejè vanno fatti dei grandi complimenti: a fine dicembre aveva eseguito uno smontaggio in 35' ed oggi ha fatto un lavoro completo in un tempo di poco superiore! Che dire di Zakaria? È un allievo al quale ho dedicato molto tempo: una testa dotata di tutti gli ingranaggi che lui non vuol utilizzare come potrebbe.

Eppure ancora oggi, mentre lo intrattenevo a svolgere un lavoretto al computer utilizzando un foglio Excel – è attratto dal p.c. ed è veloce nell'apprendere - mi ha confessato che vuole fare il lavoro di meccanico, ma per qualsiasi lavoro farà nella vita dovrà sgrezzarsi ancora un po'.

I risultati della pratica non sono stati tanto diversi da quelli ottenuti recentemente nell'alfabetizzazione dove Martin è risultato in testa con 62/70 seguito da Ousmane 61,5/70, quindi Zakaria con 57,25/70, Gerard con 52,75/70, Hervé 49/70, Aimé 44/70, Wilfred 15/70. Alexis non classificato; Jejé pure perché non è in grado di essere valutato come gli altri allievi a causa dello stato di salute che lo affligge e che continuerà ad affliggerlo per sempre.

 


Considerazioni finali

Complimenti al formatore Moustapha ed i miei auguri sinceri a tutti a cui ho detto proprio in questi pochi giorni che mi separano dalla partenza "Scusate se a volte vi ho strapazzato o sono stato severo e troppo pragmatico con chi il pragmatismo non lo conosce, se ho preteso da voi il massimo anche se mi rendevo conto che sarebbe stato troppo.".

Ma che gioia mi ha dato ieri quando ho ascoltato Martin ripetere succintamente agli altri uno degli argomenti che ultimamente ho esternato più spesso durante gli incontri collettivi, quello sulla tolleranza.

E che bello sentire al mattino, alla mia prima uscita nella zona ove lavorano, il coro di tutti recitare ad alta voce: Bonjour Gaetano! Ed io poi, con le braccia al cielo ed espressione ieratica sul volto, rispondere: "Bonjour mes éleves, que le Bon Dieu du Burkina Faso soit aujourd'hui avec nous.".

Oppure ogni tanto sentire qualcuno dire i numeri in Italiano, o i mesi dell'anno in italiano, frutto di qualche mio precedente divertissement. O ancora quando capivano che non ero soddisfatto del loro comportamento e tenevano improvvisamente il silenzio e gli occhi bassi, ma anche quando si illuminavano di grandi sorrisi solo per la mia estemporanea richiesta di una moltiplicazione 8x9 centrata nel risultato.

Devono essersi sentiti torturati con queste richieste effettuate nel bel mezzo di altre attività: effettivamente non so se alla risposta corretta fossero più contenti loro per averla azzeccata o se fossero contenti per me che persistevo nel cercare di farli progredire in un campo a loro sconosciuto sino al momento in cui mi hanno incontrato. Si, riconosco che ho avuto anche delle piccole soddisfazioni che considero grandi per come sono venute.

 

Ciao Garage Italia, ciao Ouaga, sono consapevole che dopo tanto penare in questi cinque mesi trascorsi insieme alla fine, per un verso o per l'altro, mi mancherete tutti!

Gaetano Zambon


Le fotografie sono quelle realizzate durante la prova di dicembre scorso poichè a causa della cattiva connesione non è stato possibile per Gaetano spedircene delle nuove.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su Linkedin

torna indietro


Clicca qui per iscriverti alla nostra NEWSLETTER!

NEWS

CHI SIAMO

PROGETTI

VIAGGI

SOSTIENI

CONTATTI

Organizzazione Umanitaria

ONG Bambini nel Deserto ONLUS

via A.Casoli, 45 - 41123 Modena (ITALIA)

tel. +39 335 6121610

CF: 94094820365

sede@bambinineldeserto.org

© Copyright 2011-2017 Bambini nel Deserto  |  Privacy Policy  |  FAQ  |  Copyright  |  Credits