hvor gammel er lege oz cialis hjelp med reseptbelagte kostnader

Organizzazione Umanitaria
ONG Bambini nel Deserto Onlus

Gaetano e gli allievi creativi del Burkina Faso

Gaetano ci racconta una sua bella esperienza coi ragazzi burkinabé...


Oggi qui ancora una giornata rovente; da ieri, dopo aver visto episodi non troppo gratificanti avvenire fra alcuni ragazzi, ho accentuato il controllo sulla puntualità degli allievi ed oggi ho preteso un colloquio individuale con chi è arrivato oltre alla tolleranza ammessa.
Successivamente, avendo notato che alcuni erano sbandati, ne ho convocati quattro nel salone sottoponendoli ad un test estemporaneo.
Ho diviso la lavagna in quattro parti, una a disposizione per ciascuno di loro.
Poi li ho invitati a disegnare ciò che volevano.

 


Dopo aver commentato insieme la prima schermata li ho invitati a cancellare tutto e a ripartire. Ancora una volta si sono espressi su temi appartenenti alle loro conoscenze storiche/tradizionali.
A questo punto li ho invitati ad usare fantasia ed immaginazione per una nuova schermata, ma prima ho voluto far loro vedere alcune immagini inusuali ai loro occhi traendole dal mio p.c., immagini quali il mare, le navi, la neve.
I ragazzi si sono subito appassionati ed io li ho incalzati di domande alle quali sono stati pronti ad alzare il dito per chiedere di poter rispondere; certo, hanno frainteso il ghiaccio del Perito Moreno con la neve, un traghetto della Tirrenia ripreso da lontano con un battello (ma poi quando l'immagine è comparsa in primo piano hanno chiesto se viaggiare su quel tipo di nave è pericoloso – chiaro riferimento ad informazioni da loro acquisite sull'attraversamento del mediterraneo in qualche modo), l'aeroplanino dotato di pattini ancorato sule placide acque di un lago nord americano è stato preso per un aereo  che può atterrare sulla terra e così via, ma complessivamente, per essere ragazzi di strada o poco più, si sono comportati bene.

 


E' così venuto il momento di esprimersi con i gessetti e tutti e quattro hanno saputo attingere alle nuove conoscenze: c'è chi ha disegnato un elicottero e dei paracadutisti, chi ha privilegiato l'oca canadese dalla splendida colorazione che avevo decantato come un'instancabile migratrice, chi ha scelto l'idroplano e chi ha preferito una baia (dopo aver visto Boccadasse) con un natante al centro.
Sono stati bravi ed io mi sono divertito con loro (parlano quasi tutti la lingua locale - nome di un'etnia dominante; il loro francese africano è masticato così e così – per questo nella giornata del sabato vi è una maestra che si dedica alla loro scolarizzazione).

 

 

 

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su Linkedin

torna indietro


Clicca qui per iscriverti alla nostra NEWSLETTER!

NEWS

CHI SIAMO

PROGETTI

VIAGGI

SOSTIENI

CONTATTI

Organizzazione Umanitaria

ONG Bambini nel Deserto ONLUS

via A.Casoli, 45 - 41123 Modena (ITALIA)

tel. +39 335 6121610

CF: 94094820365

sede@bambinineldeserto.org

© Copyright 2011-2017 Bambini nel Deserto  |  Privacy Policy  |  FAQ  |  Copyright  |  Credits