hvor gammel er lege oz cialis hjelp med reseptbelagte kostnader

Organizzazione Umanitaria
ONG Bambini nel Deserto Onlus

Cinema du Désert - Welcome in Bulgaria

https://gallery.mailchimp.com/b34cbe7132e0372d42fd5303e/images/110a2ef0-6e39-4751-a731-e240c098c11e.jpg

...dopo 20 minuti fluttuando sul Danubio, noi e nostri camion tocchiamo la terra Bulgara!
Il cambiamento di paese ci emoziona, molta strada e molti bambini ancora ci attendono!

 


 

WELCOME IN BULGARIA

 

Decidiamo di  fermarci per la notte in riva al fiume ; aspettiamo Desi, il nostro contatto in Bulgaria. Lei è un' assistente sociale, lavora a Silistra, la cittadina di frontiera.


 

Ed eccoci qua in un'altro stato, con lingua ed alfabeto  totalmente differenti e con un'altra moneta; cominciavamo a conoscere qualche parola di Rumeno, a calcolare facilmente il cambio tra Euro e Lei, a comprendere un po' i costumi locali e solamente passando dall'altra sponda del grande fiume tutto cambia!!

 


 

La comunicazione tra di noi : IL FRANCHITAGNOLO

Che cos'é il franchitagnolo ? E' la nostra nuova lingua, il dialetto dei é « Lezards Migrateurs ».  Nato da una mescola di francese, spagnolo e italiano ! ...alla fine l'importante é arrivare a capirsi e per questo arriviamo a creare questo simpatico mix di lingue ! « Mi piace parler con tigo ! »  « Tu me donnez il sale por favor ? » Ecco un esempio dei nostri dialoghi quotidiani, ma non finisce qui, ricordatevi che a questo si aggiunge la lingua del paese che attraversiamo!! Eravamo preparati ad affrontare questo « caos », già nella fase di preparazione del progetto avevamo ben evidenziato la problematica delle barriere linguistiche, proprio per questo  abbiamo deciso di lavorare e di entrare in contatto con le genti attraverso la comunicazione non verbale composta di immagini, gesti, musica e giochi!

 


 

IL VILLAGGIO DI ISKRA

Desi arriva presto al mattino con tutta la sua frizzante energia e il suo contagioso sorriso pronta ad accompagnarci alla scuola di Iskra.  Partiamo in convoglio e percorriamo 40 kilometri per arrivare in un piccolo villaggio rurale di 3000 abitanti. Il campo base per questi giorni è il giardino della scuola dove immediatamente bambine e bambini ci circondano e ci accolgono calorosamente!

 


Pronti e via, subito al lavoro : alcuni di noi preparano il materiale necessario per i laboratori e altri cominciano a relazionarsi con i bimbi ! Eva l'educatrice del team, in pochi minuti viene rapita da alcuni di loro, visita le classi, conosce le maestre ed alcune bambine improvvisano un piccolo spettacolo di danza per lei ! Dopo questa mattinata, mano nella mano con gli alunni della scuola, ci scambiamo tra di noi le prime impressioni evidenziando in particolare la piena libertà di movimento degli studenti, che possono entrare ed uscire dalla classe a loro piacimento e restare con noi infomando semplicemente la maestra che con tranquillità e facilità da' il permesso di intrattenersi nel giardino. Ben vista è anche la nostra presenza alle lezioni, le maestre senza timore ci invitano a rimanere con loro nelle classi.   

 


La giornata seguente diamo il via alle attività verso le 13 con la proiezione del documentario « Il Popolo Migratore », installiamo il cinema dentro il teatro comunale a poche centinaia di metri dalla scuola. Una cornice speciale scelta per poter accogliere tutti i 300 alunni.





Ispirati dal luogo, trasformiamo la nostra classica presentazione in uno spettacolo di clownerie accompagnati dai nostri amici a quattro zampe. Ancora una volta, vedere i bambini con i loro occhi spalancati e ascoltare le loro risate é una grande ricompensa ! La giornata continua all'aria aperta, a ritmo di musica, sempre in veste di clown accompagnamo i bambini alle attività!
In programma : scivolo gonfiabile, percorso ad ostacoli, iniziazione alla giocoleria con bolas e hula hoop.




Plus de photos.....ici
6 ore di attività tra felicità, sorprese, allegria e condivisione !  E non finisce qui....continuamo la sera con una proiezione sotto le stelle annunciata con dei cartelloni attaccati la notte precedente in tutto il villaggio. Puntuali all'invito arrivano in molti, davanti al nostro schermo alcuni bambini della scuola con le loro famiglie e alcuni curiosi, a questi si aggiunge la grande famiglia dei gitani.
Un pubblico misto riunito davanti alle immagini del documentario « Home ».

 


3 giorni passati qui, accendiamo i camion, usciamo dal cancello della scuola e ci giriamo a salutare tutti quei bambini che con le braccia tese ci rincorrono urlandoci arrivederci !
Salutiamo quindi la nostra nuova amica Desi e la sua famiglia e diciamo aurevoir a Silistra e dintorni!

 



LASCIANDO LE NOSTRE TRACCE
Con i nostri cinema e le nostre attività speriamo sempre di lanciare dei semi e lasciare una traccia positiva dietro di noi.  In silenzio, facendo, intessendo relazioni di fiducia reciproca, cerchiamo di apportare una brezza per un cambiamento positivo. Spesso dopo le proiezioni maestre, educatori, genitori, membri di associazioni e anche gli stessi ragazzi ci vengono a chiedere i titoli di altri film e documentari. Incontriamo cosi persone che come noi utilizzeranno il potere delle immagini per comunicare, per imparare e per toccare tematiche importanti.  L' associazione dei giovani del villaggio di Iskra, per esempio, gestiscono l' unico internet point della zona (gratuito!!!) e si sono ripromessi di organizzare serate di educazione ambientale usando come strumento i documentari da noi suggeriti!

 


 

LAVORANDO IN SPIAGGIA
Davanti a noi differenti tragitti, decidiamo di percorrere la strada costiera e di fermarci per un paio di giorni sulla costa del Mar Nero. Ci facciamo questo regalo, allestiamo il campo base coccolati dal rumore delle onde del mare e allietati dalla splendida vista non perdiamo tempo : sport, yoga, comunicazione, selezione di foto e video, allenamento con la giocoleria e felici al lavoro per preparare una sorpresa per voi tutti e per i bambini che ancora ci aspettano!



 


 

ALT FRONTIERA : TURCHIA!
200 kilometri ci separano dal confine con la Turchia, decidiamo di passare la dogana di Malko Tarnovo, che ci appare attraverso montagne e verdi foreste. All'uscita dalla Bulgaria il giovane doganiere ride dicendoci : « non riuscirete mai ad entrare in Turchia con i vostri camion, questa è una dogana per automobili »  e gentilmente gli rispondiamo : « lasciaci provare ! Queste sono le nostre case, sono cinema itinerante, musica, giochi per i bambini di tutto il mondo ! » , ci fa passare augurandoci buona chance !
Et voilà passati senza problemi e ben accolti dalle autorità turche !
Dentro i nostri bagagli altri ricordi, esperienze, amicizie e davanti a noi tante nuove avventure !

 

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su Linkedin

torna indietro


Clicca qui per iscriverti alla nostra NEWSLETTER!

NEWS

CHI SIAMO

PROGETTI

VIAGGI

SOSTIENI

CONTATTI

Organizzazione Umanitaria

ONG Bambini nel Deserto ONLUS

via A.Casoli, 45 - 41123 Modena (ITALIA)

tel. +39 335 6121610

CF: 94094820365

sede@bambinineldeserto.org

© Copyright 2011-2017 Bambini nel Deserto  |  Privacy Policy  |  FAQ  |  Copyright  |  Credits