hvor gammel er lege oz cialis hjelp med reseptbelagte kostnader

Organizzazione Umanitaria
ONG Bambini nel Deserto Onlus

In Africa Informati. Ciad

Ciad al 04/01/2015

 

 

Documenti necessari per l’ingresso nel Paese

- Passaporto con validità residua di almeno sei mesi dal momento dell’arrivo nel Paese.

- Visto, da richiedere almeno 15 giorni prima della partenza presso l’Ambasciata del Ciad di competenza.

- Certificato di vaccinazione contro la febbre gialla.

 

Vaccinazioni obbligatorie

Febbre gialla

 

Situazione sanitaria (Fonte: Viaggiare Sicuri. http://www.viaggiaresicuri.it)

Strutture sanitarie:

Il Paese presenta strutture sanitarie inadeguate rispetto agli standard europei; si sconsiglia, quindi, di sottoporsi ad interventi chirurgici in loco. La reperibilità dei farmaci di base è scarsa.

Si consiglia pertanto di portare con sé una scorta di farmaci per le emergenze e per specifiche patologie di cui si sia affetti.

In caso di urgenze, è possibile rivolgersi all’Ospedale “Il Buon Samaritano” di N’Djamena, gestito da religiosi italiani, al centro medico dell’Ambasciata francese e al servizio medico militare della base francese a N’Djamena.

 

Malattie presenti:

Il Paese è classificato zona 2, a medio rischio malarico. Si consiglia, previo parere medico, la profilassi antimalarica.

Il tasso di sieropositività HIV è ufficialmente del 14% negli ambienti a rischio.
Nel 2010 si sono registrati diversi casi di infezione da colera con un centinaio di decessi.
Le Autorità sanitarie locali hanno effettuato una vasta campagna di prevenzione tra la popolazione adottando varie misure tra le quali la proibizione della vendita dell’acqua in sacchetti o sfusa, l’intensificazione delle operazioni di disinfestazione nelle abitazioni e nei luoghi sospetti di contaminazione.

 

Avvertenze
Vaccinazioni consigliate: si consiglia di consultare la propria ASL o il proprio medico di fiducia per avere dati aggiornati.

Si consiglia la massima cautela nell'alimentazione evitando cibi crudi, verdure non lavate, acqua della rete urbana, ghiaccio nelle bevande.

Si consiglia di stipulare, prima di intraprendere il viaggio, un’adeguata assicurazione sanitaria che preveda, oltre alla copertura delle spese mediche, anche l’eventuale rimpatrio aereo sanitario o il trasferimento in altro Paese.

Il certificato di vaccinazione contro la febbre gialla è obbligatorio per i viaggiatori provenienti dai Paesi a rischio di trasmissione della malattia.

 

 

Sicurezza (Fonte: Viaggiare Sicuri. http://www.viaggiaresicuri.it)

La situazione rimane instabile e persistono rischi di tensione nelle aree a sud e ad est del Paese, dove sono possibili incursioni di gruppi armati in provenienza dal Centrafrica e dal Sudan. Gruppi di “coupeurs de routes” possono essere presenti nelle zone di confine con il Camerun.

Prima di intraprendere viaggi nel Paese, si consiglia di prendere contatto con l’Ambasciata d’Italia in Camerun, competente anche per il Ciad, o con il Vice Consolato Onorario a N’Djamena per ottenere informazioni aggiornate sulla situazione di sicurezza.

 

Zone a rischio:

in particolare le zone orientali, in prossimità del confine sudanese, vicino al Darfur – (prefetture di Biltine e Ouaddai), a causa della presenza di movimenti di gruppi armati ribelli. E’ sconsigliata anche la zona settentrionale (Prefetture di Borkou, Ennedi e Tibesti), per la presenza di banditismo e di movimenti ribelli e per la presenza di zone minate. La persistente insicurezza alle frontiere sconsiglia l’accesso al Paese per via terrestre, dalla Libia, dal Sudan e dalla Repubblica Centrafricana.

 

Zone di cautela:

N’Djamena (in particolare i quartieri popolari e durante le ore notturne).

 

Avvertenze:

Si consiglia di:
-evitare assolutamente spostamenti notturni;
-fermarsi ai blocchi di polizia e mostrarsi cortesi e concilianti;
-usare i mezzi pubblici (taxi collettivi) con cautela;
-evitare di esibire oggetti di valore quali gioielli, orologi, denaro, ecc.
-portare con sé solo piccole somme di denaro in contanti;
-non fermarsi e raggiungere il più rapidamente possibile il posto di polizia più vicino in caso di incidente con danni a persone;
-girare esclusivamente con le fotocopie certificate dei documenti, lasciando gli originali custoditi in albergo;
-registrare i dati relativi al viaggio che si intende effettuare nel sito: Dove siamo nel mondo 

Normativa prevista per uso e/o spaccio di droga (leggere o pesanti):

l’uso e lo spaccio di sostanze stupefacenti sono severamente puniti dalla legge.


Normativa locale prevista per abusi sessuali o violenze contro i minori:

i reati e gli abusi sessuali contro i minori sono severamente puniti dalla legge locale. Va ricordato che coloro che commettono all’estero reati contro i minori (abusi sessuali, sfruttamento, prostituzione) vengono perseguiti al loro rientro in Italia sulla base delle leggi in vigore nel nostro Paese.

Sono frequenti nel Paese controlli da parte  della Polizia stradale. 

In caso di problemi con le Autorità locali di Polizia (stato di fermo o arresto) si consiglia di informare il Consolato Onorario di N’Djamena o l’Ambasciata d’Italia a Yaoundè per la necessaria assistenza.

 

Ultime notizie (Fonti: Viaggiare Sicuri. http://www.viaggiaresicuri.it)

Sono sconsigliati viaggi in Ciad se non per motivi di effettiva necessità.
Si sconsigliano particolarmente i viaggi in prossimità della frontiera con il  Camerun (dal lago Ciad fino alle città di Binder e Léré incluse, ad esclusione della capitale N’djamena e la città confinaria di Bongor).
Tutte le dirette regioni frontaliere con il Niger, il sud della Libia, il Sudan e la Repubblica Centrafricana, così come la regione situata a Nord del Lago Ciad, sono anch’esse sconsigliate per i viaggi, in quanto zone di passaggio di traffici e possibili incursioni di gruppi armati dalle confinanti regioni saheliane.
Nelle zone diverse da quelle indicate, a coloro che desiderassero recarvisi, cosi come per tutti quelli che già si trovino in Ciad, si raccomanda di tenersi sempre in contatto - oltre che con il Vice Consolato Onorario italiano e con l'Ambasciata di Francia a N'Djamena - anche con l'Ambasciata d'Italia a Yaoundé (Camerun), competente per il Ciad.
Il Ciad non ha sinora registrato casi di ebola. Le autorità locali hanno tuttavia sospeso i collegamenti aerei con gli scali aeroportuali delle aree interessate dall’epidemia e chiuso il passaggio con la Nigeria.


 

 

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su Linkedin

torna indietro


Clicca qui per iscriverti alla nostra NEWSLETTER!

NEWS

CHI SIAMO

PROGETTI

VIAGGI

SOSTIENI

CONTATTI

Organizzazione Umanitaria

ONG Bambini nel Deserto ONLUS

via A.Casoli, 45 - 41123 Modena (ITALIA)

tel. +39 335 6121610

CF: 94094820365

sede@bambinineldeserto.org

© Copyright 2011-2017 Bambini nel Deserto  |  Privacy Policy  |  FAQ  |  Copyright  |  Credits