hvor gammel er lege oz cialis hjelp med reseptbelagte kostnader

Organizzazione Umanitaria
ONG Bambini nel Deserto Onlus

In partenza il Mauritania Express, il treno della solidarietà.

 

Sono trascorsi una decina d'anni da quella ventosa serata di gennaio quando, nel porto di Tunisi La Goulette, attendevo una nave che tardava ad arrivare a causa del mare in tempesta.
Non essendosi ancora diffusa l'abitudine di condividere in rete le esperienze appena vissute, mi sembrò naturale attaccare discorso con gli occupanti del piccolo fuoristrada che precedeva la mia furgonetta 2CV in attesa del traghetto per l'Italia.
Fu così che conobbi, complice un caffè bollente preparato sul fornellino a gas, i due inossidabili amici siciliani che - mi spiegarono - avevano approfittato di una vacanza per recapitare in terra tunisina un po' di materiale sanitario per conto di un'organizzazione umanitaria con sede a Modena, la mia città di residenza.
Bambini nel Deserto - questo il nome della ONG-ONLUS - si occupava di reperire e consegnare nelle mani dei beneficiari beni di prima necessità per migliorare le condizioni di vita delle popolazioni africane più disagiate, contribuendo a dare una valenza sociale a una modalità di viaggio assimilabile tutt'al più alla categoria del turismo esotico.

 

La mia visita alla sede modenese di Bambini nel Deserto non si fece attendere più di qualche settimana, e fu in quel magazzino sotto al piano stradale che, tra i volontari che approntavano materiale didattico per le scuole di qualche sperduto villaggio e vestitini per bimbi che possedevano poco con cui coprirsi, conobbi il fondatore e presidente dell'Organizzazione.
All'inizio Luca mi apparve un po' sfuggente, preso com'era dal suo compito di coordinatore di quella piccola e laboriosa comunità nella quale non riuscivo a intravedere un ruolo che mi si addicesse. Tuttavia avrei imparato a contare sul suo fattivo interessamento quando, dopo qualche tempo, sarei tornato in Tunisia con un gruppo di amici che con me condividevano la passione per le storiche utilitarie Citroën e il desiderio di dare un senso solidale alle nostre piccole avventure al di là del Mediterraneo.

 

Ricordo ancora l'ospitalità di quell'umile direttore didattico che, su interessamento di un militare addetto a un posto di controllo, ci accolse negli scarni ma dignitosi locali di una scuola a ridosso del confine algerino. I quaderni e le penne, gli album e le matite colorate che lasciammo per le esercitazioni dei piccoli studenti, furono ben poca cosa se confrontati al calore dell'accoglienza che ricevemmo.
Da allora, e in tutti i successivi viaggi che il mio gruppo, denominato Caravan Petrol, avrebbe compiuto in Marocco, Libia e Algeria, gli adesivi gialli di Bambini nel Deserto avrebbero sempre contrassegnato le carrozzerie delle nostre auto fuori dal tempo ma portatrici di valori solidali sempre attuali.

 

Per quanto limitata sia la capacità di carico delle 2CV che utilizziamo, tutte attrezzate per offrire un rifugio notturno a due occupanti e una dotazione di ricambi per eventuali problemi meccanici, in procinto di una nuova partenza per la Mauritania abbiamo rinnovato la collaborazione con Bambini nel Deserto portando con noi scarpe e vestiti, materiale didattico e kit sanitari di primo soccorso.
La partenza dei 6 equipaggi avverrà dal porto di Livorno poco prima delle festività natalizie, per raggiungere la frontiera mauritana in quattro lunghe tappe lungo la costa marocchina.
Ad attenderci alla stazione di Nouadhibou sarà "il treno più lungo del mondo", un convoglio ferroviario di circa 2,5 km di lunghezza che abitualmente trasporta materiale ferroso estratto dalle miniere dell'interno e che ci scaricherà in pieno deserto.
Il Mauritania Express, questa la denominazione della nostra spedizione, prevede un tour del Paese che, dopo l'attraversamento di ampie zone desertiche, si concluderà sulla costa atlantica con la visita al Parco Nazionale del Banc d'Arguin.
L'equipaggio di chi scrive queste note sarà l'ultimo a rientrare in Italia dopo circa un mese e mezzo dalla partenza e un'appendice di viaggio in Marocco, dove Bambini nel Deserto può contare su una consolidata rete di collaboratori.
La percorrenza prevista non è inferiore agli 8000 km.
Racconti, fotografie e aneddoti della spedizione potrete trovarli su queste pagine al nostro ritorno.

 

Bruno (per il gruppo Caravan Petrol)

 

 

 

 

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su Linkedin

torna indietro


Clicca qui per iscriverti alla nostra NEWSLETTER!

NEWS

CHI SIAMO

PROGETTI

VIAGGI

SOSTIENI

CONTATTI

Organizzazione Umanitaria

ONG Bambini nel Deserto ONLUS

via A.Casoli, 45 - 41123 Modena (ITALIA)

tel. +39 335 6121610

CF: 94094820365

sede@bambinineldeserto.org

© Copyright 2011-2017 Bambini nel Deserto  |  Privacy Policy  |  FAQ  |  Copyright  |  Credits